.
Annunci online

Korben
ATTENZIONE ALLA PUTTANA SANTA


Diario


20 novembre 2007

Non esiste piu' la mezza stagione



Dice: non esiste più la mezza stagione. Dice che si passa dal caldo al freddo e dal freddo al caldo. Mah, sarà. Sarà ma a me invece mi sembra, a me mi, che questo autunno sia un autunno-autunno. Le temperature, con qualche sbavatura in su e in giù, son quelle. La luce, l’odore leggero dei pomeriggi, sono quelli che ricordavo da bambino. C’è stato perfino un accenno di nebbia un paio di settimane fa. Oddio nebbia, foschia magari: nebbie come quelle che ricordo da bambino (andavo alle elementari e certe mattine a novembre ricordo che non mi vedevo i piedi mentre camminavo e si camminava rasente ai muri sfiorando l’intonaco con le manine inguantate e le merendine nella cartella) quelle sì, è vero che non ce ne sono più.

Dice che è la cementificazione. Dice: è lo sprawl urbano (che sarebbe poi sempre la cementificazione, solo un po’ più figa, un po’ più chic: dai condomini anni settanta siamo passati alle palazzine anni ottanta per approdare finalmente nei novanta alle villette a schiera). Siccome non c’è più terra libera, non c’è più umidità che sale dalla terra.

L’ho vista però io, un po’ di foschia. Sotto casa mia, dove terra libera non c’è n’è proprio, a meno che non si possa considerare terra libera un benzinaro. Non dico che mi son commosso, sarebbe troppo. Però m’è piaciuta. Abbastanza per infilarmi un giubbotto e uscire a piedi, nella città mezza assonnata e ancora mezza sveglia.

Mi piace tanto girare così per la città, all’ora di Pan. Dice che è pericoloso, che questa città è pericolosa. A me non mi è successo mai niente, a me non mi. Credo dipenda dal modo in cui guardi le persone, e dal modo in cui permetti che ti guardino. O che non ti guardino, che ti scivolino accanto scorrendo come i tram sui binari.

[Il 33 è una linea secondaria, sfiora solo il centro senza attraversarlo. A parte corso Sempione e via Porpora, fa per lo più strade poco trafficate. Per questo ha sempre in dotazione tram vecchi e tranvieri giovani. Coi loro pizzetti, i loro accenni di pancetta – prova te a star seduto otto ore alla manetta di una Ventotto – e le loro belle facce mediterranee, collegano il mio recente passato al mio presente in una manciata di fermate, sferragliando e scampanellando]

La foschia mi rispecchia, ci rispecchia. Credo che la foschia interiore sia lo stato normale dell’essere umano, in quest’epoca e in queste città. To get misty, dicono in inglese, per dire che sei confuso. Scighera si chiamava la nebbia in antico lombardo: la cosa che ti acceca.

Forse per questo non c’è più la nebbia. La funzione per cui gli dèi l’avevano concepita (ottundere di tanto in tanto, opportunamente, i sensi dei mortali), quella funzione non serve più. Gli uomini sono già perennemente ottenebrati. Meglio: anestetizzati. E soprattutto non credono più agli dèi (che, immagino, si staranno annoiando a morte: niente sacrifici, niente libagioni, niente orge sacre, niente puttane sante).

Qualcuno, chissà chi, non certo Marx che è venuto un botto dopo, ha deciso che i riti non servivano più. Ma siccome il rito, come la serva di Totò, serve, ci serve come l’aria e come il pane, gli uomini se li inventano, ciascuno a modo suo, ogni gruppo con le sue regole. E ogni tanto al sabato sera l’ambrosia sbagliata ne ammazza uno, e alla domenica il sacerdote sbagliato ne ammazza un altro.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vittime milano riti nebbia autunno dei 33

permalink | inviato da Korben il 20/11/2007 alle 10:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa
sfoglia     ottobre        dicembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Proprio quello...
l'aforisma del giorno

VAI A VEDERE

Aelred
AnotherMe
Barbara
Besto
BetOnJazz
Bifidus
Camere con vista
Creonte74
Elfobruno
Endimione
FinOcchio
FrankieGoesTo...
Freestate
Gattopesce
Guppie
Joe
Kafkahigh
Linguafranca
Liquido
Mappoto
Ragazza Spigliata
Scatafashion
Uomo del lago
Zen per caso










Ipse dixit
"You can take the girl out of the country, but you can't take the country out of the girl"
(Alexis Morell Carrington Colby Dexter Rowan a Krystle Grant Jennings Carrington
).


MUST SEE


MUST LISTEN


MUST READ










CERCA